Cosa mangiano i vegetariani?

L’alimentazione vegetariana viene spesso chiamata impropriamente ‘dieta’ vegetariana, perchè nell’immaginario comune il vegetariano è chi mangia poche cose, e magari anche in quantità ridotta. Tale idea nasce dall’ignoranza non solo rispetto ai principi che animano il vegetarismo ma anche ai valori nutrizionali degli alimenti. In realtà i vegetariani tendenzialmente mangiano più e meglio degli onnivori, poichè sono attenti e sempre concentrati sulla necessità di mantenere un regime alimentare equilibrato. Ma vediamo nel dettaglio cos’è che non mangia il vegetariano: non mangia la carne, non mangia i salumi e non mangia il pesce. Come sostituisce le sostanze importanti per l’organismo presenti

vegetariani

L’alimentazione vegetariana viene spesso chiamata impropriamente ‘dieta’ vegetariana, perchè nell’immaginario comune il vegetariano è chi mangia poche cose, e magari anche in quantità ridotta.

Tale idea nasce dall’ignoranza non solo rispetto ai principi che animano il vegetarismo ma anche ai valori nutrizionali degli alimenti. In realtà i vegetariani tendenzialmente mangiano più e meglio degli onnivori, poichè sono attenti e sempre concentrati sulla necessità di mantenere un regime alimentare equilibrato.

Ma vediamo nel dettaglio cos’è che non mangia il vegetariano: non mangia la carne, non mangia i salumi e non mangia il pesce. Come sostituisce le sostanze importanti per l’organismo presenti in questi gruppi di alimenti fondamentali secondo gli schemi nutrizionisti?

Ad esempio, il ferro veicolato dalla carne da dove arriva? Dalla soia, dalle verdure dalla foglie verde scuro -in particolare gli spinaci- dalle uova, dalla frutta secca (noci, mandorle, pistacchi, nocciole): è vero che il ferro contenuto in questi alimenti non viene assorbito facilmente, ma a ciò si può rimediare associando ne altri che siano ricchi di vitamina C. E’ il caso della frutta fresca, in particolare le arance, della verdura cruda (lattuga…), delle patate cotte al forno. Un pasto a base di uova con il contorno di spinaci consente di introdurre ferro e di non lasciarlo ‘scappare’.

Altri elementi nutrizionali di grande importanza sono le proteine, che si recuperano senza difficoltà nelle uova, nei latticini, nei formaggi e nello yogurt, da accompagnare possibilmente con vegetali.
C’è da dire che tutti gli alimenti ‘permessi’, quelli che non hanno derivazione animale, sono abbastanza ricchi di tutte quelle sostanze che altrimenti verrebbero a mancare, per cui anche le vitamine compensano attraverso i legumi, la frutta secca, la frutta e la verdura, il lievito di birra.

Di seguito un piccolo elenco di alternative per ‘costruire’ una alimentazione vegetariana, alternative da combinare in base ai gusti personali.

Colazione
-frutta fresca
-yogurt
-caffè d’orzo + biscotti con il miele
-latte (normale o di soia) + biscotti secchi
– yogurt di soia/yogurt con muesly

Pranzo
-Pasta (normale o integrale)
-Riso (normale o integrale)
-Verdure cotte
-Verdure crude
-Pane (normale o integrale)
-Minestrone di verdure

Cena
-Secondo piatto a base di legumi o di tofu o di formaggi (meglio se freschi e magri)
-Torta salata
-Uova al tegamino
– Verdure cotte
– Pane (normale o integrale)

Merenda  
-1 frutto fresco
-1 yogurt
– 1 yogurt + 1 frutto
– panino integrale
– frutta secca

13 Commenti

  1. Pietro
  2. domenico
  3. Martina
  4. Lorenzo
  5. cinzia
  6. Ersilia
  7. giulia
  8. Greta
  9. Maurizio
  10. Saretta
  11. Jessi
  12. Terri Siddi
  13. Cristina

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *