Top
Una dieta anticellulite
fade
4304
post-template-default,single,single-post,postid-4304,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Una dieta anticellulite

Una dieta anticellulite

Se funzionasse davvero alla perfezione, la dieta anticellulite rappresenterebbe una sorta di miracolo. Purtroppo la cellulite dipende anche da altri fattori, quali la predisposizione individuale e la sedentarietà, per cui curando l’alimentazione si provvede solo ad una parte del problema. Ma tentar non nuoce, e magari si può integrare la dieta iniziando anche a potenziare l’attività fisica.

Tutti i giorni bisogna bere a colazione un bicchiere di latte scremato, 2 biscotti integrali e 1 succo di pompelmo o di arancia. A metà mattina si mangia 1 frutto o 1 yogurt, mentre a merenda 1 yogurt magro e 1 arancia o 1 fetta di ananas.

Intanto qualche regola generale: la maggior parte degli alimenti va consumata nella prima metà del giorno, secondo una suddivisione del tipo: 25% a colazione, 45% a pranzo, 5% a merenda e 25% a cena. No assoluto per gli alcolici, ni per il caffè, il tè e le bevande a base di cola e cioccolato: gli eccitanti, infatti, favoriscono lo stress, il passaggio del glucosio nelle cellule e il deposito dei grassi. Bere 2 litri di acqua al giorno per stimolare la diuresi e prediligere gli infusi non eccitanti, come la camomilla, il tiglio, la menta. Cucinare con poco sale ed evitare di portarlo in tavola per non avere tentazioni, perchè il sale provoca la ritenzione dei liquidi e di conseguenza ostacola l’eliminazione delle tossine. Mangiare frutta e verdura ogni giorno, legumi due volte la settimana e preferire i cereali integrali.

Questa dieta va seguita per 1-2 settimane e poi sospesa, non si può certo fare all’infinito perchè comunque, per quanto non sia eccessivamente ipocalorica, è imperniata sul consumo ripetitivo di pochi alimenti e quindi portata avanti troppo a lungo può comportare degli squilibri da punto di vista nutrizionale.

Lunedì

Pranzo: brodo di verdure + insalata di lattuga, carote e sedano + 1 porzione di gelatina alla frutta

Cena:  1 petto di pollo alla piastra + insalatona di barbabietole, pomodori e carote + 1 mela cotta

Martedì

Pranzo: 2 fette di prosciutto cotto e 1 uovo al tegamino + insalata di crescione, lattuga e sedano + fragole con limone

Cena: riso integrale con carote e fagiolini + insalata di sedano, mela e yogurt + macedonia

Mercoledì

Pranzo: 1 minestrone di verdure + 1 frittata di uovo con 2 pomodori + 1 arancia

Cena: 2 filetti di merluzzo al forno con olio, prezzemolo e limone + 2 pomodori freschi e 1 yogurt magro

Giovedì

Pranzo: passato di verdure + 1 fetta di carne di vitella alla piastra + 1 pera

Cena: zuppa di legumi + 1 filetto di sogliola alla piastra + 1 mandarino

Venerdì

Pranzo: brodo vegetale + 1 insalata di lattuga, pomodoro, tonno, cipolla e sedano + 1 macedonia

Cena: 1 fetta di salmone alla piastra + insalata di pomodori, lattuga e formaggio fresco + 1 coppetta di fragole

Sabato

Pranzo: minestrone di verdure + 1 fetta di carne di vitello alla piastra con olio, aglio, basilico e limone + 1 pera

Cena: insalata di ceci, fettine di cipolla, pomodoro e carote + 1 mela

Domenica

Pranzo: 1 passato di verdure + 1 frittata con spinaci + 1 piatto piccolo di gelatina

Cena: 1 filetto di sogliola + zucchine alla piastra + 1 macedonia mista

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment