Top
Piccoli accorgimenti per dimagrire
fade
4207
post-template-default,single,single-post,postid-4207,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Piccoli accorgimenti per dimagrire

Piccoli accorgimenti per dimagrire

Se proprio non si vuole iniziare una dieta, è possibile mantenersi in forma anche seguendo delle regole generali che sono utili un pò per tutti per non mettere su peso. Si tratta delle classiche indicazioni di base necessarie non solo per dimagrire, ma anche semplicemente per non ingrassare, che è un obiettivo parimenti utile per alcune persone.

Fare la spesa a stomaco pieno. Sarà il modo migliore per non portare a casa alimenti proibiti, soprattutto quelli ipocalorici e scarsi di nutrienti. Avere anche il portafogli non troppo pieno può aiutare ancora di più…

Imparare a scegliere le alternative. Non è il caso di rinunciare ad un invito a cena, basta saper scegliere i piatti che fanno al caso nostro. Se invece di una frittura si prende un piatto di cozze al vapore, si mangia lo stesso con gusto senza danni per la linea.

Utilizzare piatti piccoli. Anche se le razioni sono definite, mettere il cibo in piatti piccolini, che lo fanno sembrare di più, aiuta a livello visivo e mentale ad avvertire il senso di sazietà. Volete mettere con 50 gr di bieta che scompaiono in un piatto grande, dando subito un’immagine di tristezza e di ‘poco’?

Cercare di tenere a bada l’ansia. Molte persone quando hanno un pensiero o un problema, mangiano ‘qualcosina’ per calmarsi. Se si riesce a mangiare un finocchio o una carota, non c’è problema, ma in genere di prediligono i cibi ipercalorici, che danno più soddisfazione.

Pesarsi una sola volta alla settimana. Tutti i giorni non serve, provoca solo frustrazione o false speranze dovute al fatto che magari il giorno prima abbiamo mangiato alimenti che depurano, abbiamo di conseguenza perso liquidi e ci illudiamo invece che si tratti di importanti grammi. Una sola pesata a settimana offre invece dei risultati più certi.

Bere molta acqua. Almeno 2 litri al giorno, così come alimenti ricchi di vitamina C, la vitamina diuretica per eccellenza. La cosa migliore sarebbe ricordarsi di bere un bicchiere d’acqua circa 20-30 minuti prima di ogni pasto.

Iniziare i pasti con qualcosa di verde. Se le dieta include una porzione di verdura o di insalata, è meglio mangiarla all’inizio perchè è saziante. Inoltre ha il vantaggio di essere ricca di fibre, il che non dipende dalla collocazione nel pasto ma ne giustifica ancor più la presenza.

Ridurre il consumo di sale. In nessun caso si deve abusare del sale, soprattutto quando si vuole dimagrire. Il sale provoca infatti la ritenzione di liquidi e non aiuta proprio a perdere grassi.

Lavare i denti subito dopo il pasto. Al di là della necessità igienica, il gesto di lavare i denti ha un sapore conclusivo che aiuta a tenersi lontani dal cibo per un bel pò.

Movimento. Se non si può andare in palestra, camminare. Ogni giorno, almeno mezz’ora. Se necessario, scendere dall’autobus un paio di fermate prima e farsela a piedi.

Debora De Santis
2 Comments
  • Debora De Santis

    Gentile dott.Criscione, ho letto con interesse l’articolo che riguarda lei e i risultati dei suoi studi. Non posso che essere d’accordo, anche perchè ho ribadito più volte in questo blog come per dimagrire sia fondamentale il concetto di mangiar sano come approccio individuale all’alimentazione, meglio se mediato da uno specialista. Tuttavia aver indicato una dieta non mi sembra lesivo dei diritti o della salute di nessuno; ho semplicemente risposto ad una richiesta diffusa di modelli di dieta da seguire, per quanti comunque ci tengono a seguire la strada della riduzione delle calorie. Mi auguro vivamente di non aver causato offesa o danno a qualcuno, e la ringrazio in ogni caso per l’attenzione che ha dedicato al nostro blog, invitandola a correggermi se dovessi sbagliare, nella convinzione che trattare l’argomento ‘alimentazione’ in modo esaustivo richiederebbe ben altre competenze e mezzi, e si rischia sempre di urtare la suscettibilità di qualcuno, che magari se ne intende più di me. Cordiali saluti

    1 giugno 2011 at 12:11
  • Leoluca Criscione

    Gentile Signora De Santis Le consiglio, anche in questo caso di leggere il contenuto di questo link
    Buon Appetito a Lei e ai Suoi lettori e lettrici!
    Leo
    luca Criscione, Svizzera

    http://www3.lastampa.it/benessere/sezioni/alimentazione/articolo/lstp/318782/

    1 giugno 2011 at 10:22

Post a Comment