Top
Quando far mangiare la crescenza al piccolo
fade
4089
post-template-default,single,single-post,postid-4089,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Quando far mangiare la crescenza al piccolo

Quando far mangiare la crescenza al piccolo

E’ un formaggio da tavolo tenero, con un profumo delicato che riguarda quello del latte ed è pertanto facilmente accettato dai bambini. Non a caso la crescenza viene inserita nell’alimentazione già a partire dal nono mese, da sciogliere nel passato di verdure o nella minestrina, e poi dopo il primo anno di vita può essere servita da sola, come secondo piatto.

Bisogna fare attenzione ad acquistarla freschissima, controllando sempre la data di scadenza sulla confezione, e a verificare che la superficie non sia indurita e non presenti delle macchie giallastre, entrambi prove di una conservazione eccessiva o effettuata in un ambiente sbagliato, non freddo a sufficienza. Altra spia di freschezza è il sapore, che non deve essere acido o amarognolo.

Dal punto di vista nutrizionale, la crescenza è ricca di acqua, non contiene molti grassi ed è ricca di calcio e vitamina A, mente le calorie non sono troppe, considerato che si parla di un formaggio: indicativamente 281 per 100 gr.

Ottima se mangiata al naturale, la crescenza trova anche dei facili abbinamenti come condimento per la pasta, per la pizza o per la piadina, come nelle ricette che proponiamo di seguito, adatta per gli adulti e per i bambini dopo il primo anno di età, quando hanno ormai iniziato a mangiare a tavola ‘le cose dei grandi’.

Focaccia al formaggio

Gli ingredienti
400 gr di pasta per pane
150 gr di ricotta fresca
200 gr di crescenza
40 gr di pinoli
basilico in foglie
olio extravergine d’oliva

La preparazione

Passare nel passaverdure la ricotta e la crescenza, quindi lavorarle con il cucchiaio di legno per ottenere un composto omogeneo e liscio, privo di grumi. Stendere con il matterello la pasta di pane e utilizzarne metà per foderare una teglia per pizza rotonda. Spalmare sulla pasta il composto di ricotta e formaggio, cospargere con le foglioline di basilico spezzettate e coprire con la rimanente pasta, pizzicandola sui bordi per saldarla a quella sottostante. Affondare leggermente i pinoli nella pasta, pennellare d’olio la focaccia e lasciarla riposare in luogo tiepido per circa 30 minuti prima di cuocerla nel fono già riscaldato per 20 minuti a 220°C.

Riso con crescenza e zucca

Gli ingredienti
800 gr di brodo vegetale
320 gr di polpa di zucca
280 gr di riso
100 gr di crescenza
foglioline di cerfoglio
80 gr di cipolla pulita
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

La preparazione
Rosolare la cipolla tritata finemente con metà dell’olio e la zucca tagliata a cubetti, quindi aggiungere il riso e tostarlo a lungo. Portare a cottura il risotto (circa 15 minuti) aggiungendo il brodo caldo poco alla volta, poi distribuirlo nei piatti. Condirlo con la crescenza a dadini, con le foglioline di cerfoglio e il resto dell’olio crudo versato a filo e servire il risotto ben caldo.

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment