Top
Svelata la ricetta della Coca Cola
fade
3721
post-template-default,single,single-post,postid-3721,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Svelata la ricetta della Coca Cola

Svelata la ricetta della Coca Cola

Il segreto ha riposato per anni con il farmacista John Pemberton che nel 1886 inventò la Coca Cola e a nulla sono valsi i tentativi di imitazione che a lungo si sono ripetuti in ogni parte del mondo.

Ebbene, dal sito Thisamericanlife.org arriva la notizia che l’attesa è finita, il mistero è stato finalmente svelato grazie all’esame minuzioso di un articolo di giornale datato 8 febbraio 1979. Il giornale in questione è l’Atlanta Journal-Constitution e conterrebbe una foto di una persona con in mano un libro: su questo libro sarebbe indicata una ricetta che a quanto pare è l’esatta riproduzione di quella di Pemberton.

La ricetta conterrebbe l’esatto dosaggio di tutti i liquidi che occorrono per realizzare il famoso Merchandise 7X, l’ingrediente che fornisce alla Coca Cola il suo sapore unico e che si ottiene con una miscela ben precisa.

Di seguito la tanto ambita ricetta, che è custodita in una cripta di Atlanta, in Georgia, sorvegliata 24 ore su 24:

Fluido estratto da 3 dramme di Coca dei farmacisti americani
3 once di acido citrico
1 oncia di caffeina
30 di zucchero (dal testo non è chiaro quale sia la quantità richiesta)
2,5 galloni di acqua
2 pinte e un quarto di succo di lime
1 oncia di vaniglia
1,5 once (o di più) di caramello come colorante aromi 7X (utilizzare 2 once di aromi ogni 5 galloni di sciroppo)
8 once di alcol
20 gocce di olio d’arancia
30 gocce di olio di limone
10 gocce di olio di noce moscata
5 gocce di coriandolo
10 gocce di neroli
10 gocce di cannella

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment