Top
I mercatini del Natale 2010
fade
3433
post-template-default,single,single-post,postid-3433,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

I mercatini del Natale 2010

I mercatini del Natale 2010

A Natale il mercatino è d’obbligo, secondo una sorta di tradizione non scritta che rende imperativo andare a passeggiare tra le bancarelle in cerca di curiosità ed occasioni.

E tutta l’Italia scende in campo per assicurare mercatini in ogni regione e non deludere così gli appassionati del genere, grandi e piccini.

E’ il caso ad esempio del mercatino di Piazza Navona a Roma, uno degli appuntamenti storici nella capitale. Si ‘apre’ l’8 dicembre e si chiude il 6 gennaio, seguendo un percorso che spazia da Babbo Natale alla Befana, che appunto il giorno dell’epifania tutte le feste porta via. Sulle bancarelle troneggiano in primo luogo i dolci, di ogni tipo, formato e colore, da gustare sul momento e da acquistare per riempire le calze della befana, altre protagoniste della situazione accanto a scopette scacciaguai e statuine per il presepe. Dolciumi tipici della manifestazione sono la mela stregata e le ciambelle: la mela stregata è appunto una mela ricoperta di dolcissimo zucchero rosso, mentre le ciambelle sono la versione gigante delle classiche ciambelle fritte ricoperte di zucchero.

Altro mercatino storico e rinomato è quello di Bolzano, aperto dall’8 al 31 dicembre. Si svolge in piazza Walther e prevede iniziative per tutti i gusti.
Gli stand di artigianato locale si alternano a quelli gastronomici, per un’offerta completa che accontenta sia chi vuole passeggiare e magari trovare qualche occasione, sia chi desidera gustare le delizie tipiche del Natale e del luogo.

E ancora, a Napoli il mercatino di Natale è un appuntamento irrinunciabile, quasi istituzionale. Sono i vicoli di San Gregorio Armeno e San Biagio dei Librai a tingersi di magia, con i caratteristici presepi che rendono unico il mercatino nella città partenopea. Accanto al presepe, tutti i dolci natalizi tipici della zona, basti ricordare i mostaccioli e gli struffoli.

Vogliamo poi ricordare un mercatino che quest’anno è alla sua prima edizione, quello di Genova dal nome ‘Pane al pane’, inserito tra le manifestazioni della Biennale del Mediterraneo 2010. Si tratta di un’esplorazione del rapporto con il cibo, indagato tra passato, presente e futuro.
Per saperne di più, consultare il sito panealpanemfd.it

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment