Top
Come cucinare il baccalà
fade
2929
post-template-default,single,single-post,postid-2929,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Come cucinare il baccalà

Come cucinare il baccalà

Non a tutti piace, ma chi lo ama lo mangerebbe in tutte le salse, per così dire. Il baccalà è un tipo di pesce dal sapore forte e dal gusto inconfondibile, che si sposa peraltro con le esigenze salutistiche attuali.

Contiene infatti proteine nobili, vitamina B, ferro, calcio e pochi grassi, per cui è anche adatto per chi segue una dieta. Nel Lazio, in particolare a Roma, il baccalà viene proposto fritto, nella forma classica del filetto di baccalà, ma in realtà può essere preparato anche in modo più leggero senza perdite in termini di gusto.

Gli ingedienti per il baccalà al cartoccio

800 gr di baccalà
3 scalogni
1 pomodoro
3 patate medie
1 vasetto di pesto
200 gr di fagiolini
mezzo biccchiere di vino bianco secco
olio extravergine d’oliva
sale e pepe

La preparazione

Pre-riscaldare il forno a 180°C.

Tritare finemente gli scalogni, tagliare il pomodoro a cubetti ed incorporare le verdure al pesto.

Lessare i fagiolini e le patate senza portare a termine la cottura, bensì interrompendola prima, circa a metà.

Predisporre 4 fogli rettangolari di carta da forno e spennellare ogni foglio con un poco d’olio.

Ripartire il pesto nei 4 cartocci e sovrapporvi il baccalà, già pulito e tagliato in fette per agevolare la cottura. Salare e pepare, cospargere di pinoli e bagnare con il vino bianco, e da ultimo aggiungere le verdure lessate.

Chiudere i cartocci, infornare e cuocere per 15-20 minuti, a seconda dello spessore dei filetti di baccalà.

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment