Top
Insaccati si o no in gravidanza?
fade
2756
post-template-default,single,single-post,postid-2756,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Insaccati si o no in gravidanza?

Insaccati si o no in gravidanza?

C’è chi propende per il no deciso, chi per il si (“le nostre mamme mangiavano di tutto”) e spesso si fa una grande confusione.

La ragione sta nel mezzo, come spesso accade, e quindi la risposta più corretta è un bel ‘ni’. Ni perchè la carne cruda non si può mangiare, comporta dei rischi per la salute se non si è avuta la toxoplasmosi. La toxo di cui tanto si sente parlare altro non è che una malattia di origine parassitaria legata alla carne, nel senso che il modo principale di contrarla è la carne cruda o poco cotta. Per tutto il corso della gravidanza sarà infatti d’obbligo mangiare la carne soltanto se rigorosamente ben cotta.

Va da sè che agli insaccati spetti la stessa sorte, per cui divieto assoluto per prosciutto crudo e salame, mentre il via libera è per il prosciutto cotto, la mortadella e il tacchino arrosto, in quanto cotti.

La bresaola è spesso consigliata, anche perchè leggera, facilmente digeribile, povera di grassi e ricca di proteine, eppure i pareri non sono concordi, perchè secondo alcuni la stagionatura è tale da scongiurare il rischio toxo, mentre secondo altri si tratta semplicemente di un ulteriore insaccato crudo da evitare.

In realtà la maggioranza sembra propendere per il via libera al consumo della bresaola, anche se ovviamente non bisogna eccedere, bensì limitarne il consumo in favore di altre fonti proteiche.

Per quanto riguarda invece il prosciutto crudo, durante la gravidanza è completamente bandito, senza prove di appello, proprio perchè lo stesso nome ne tradisce la natura.

C’è chi suggerisce di congelarlo subito dopo l’acquisto, poichè durante la congelazione gli eventuali parassiti morirebbero, però non esistono evidenze scientifiche e inoltre la procedura di congelare e scongelare gli alimenti non è il massimo.

Bisogna rassegnarsi e attendere il termine della gravidanza per recuperare le abitudini alimentari abituali, soprattutto quelle relative agli insaccati

Debora De Santis
7 Comments
  • Giovanni Lattanzi

    Per Federica. Non sapremo cosa sia il grandarrosto. Dovrebbe leggere l’etichetta e capire se contiene carne di maiale.

    4 aprile 2015 at 11:39
  • Federica

    Salve vorrei sapere se il grandarrosto affumicato si puo mangiare in gravidanza se la toxo non l ho passata

    3 aprile 2015 at 17:33
  • Claudia

    Il mio ginecologo mi ha detto che posso tranquillamente mangiare anche il crudo perche trattato, da evitare il salame.

    7 febbraio 2012 at 17:14
  • Debora De Santis

    Si, puoi mangiarlo. Ma senza eccedere, per tutti gli insaccati viene consigliata la moderazione durante la gravidanza 🙂

    6 agosto 2011 at 07:50
  • teresa

    io ho la toxo negativa.. ma il cotto posso mangiarlo?

    5 agosto 2011 at 19:18
  • Debora De Santis

    Io non rischierei. Ho partorito da tre settimane e francamente ho preferito eliminare gli insaccati. Mi sto rifacendo ampiamente ora, e così ti consigo di fare 🙂

    2 novembre 2010 at 16:30
  • Barbara

    se dal salumiere è stato affettato prima il prosciutto crudo, posso tranquillamente chiedere il cotto senza rischio Toxo? grazie

    4 ottobre 2010 at 17:47

Post a Comment