Top
Cosa sono i GAS?
fade
2719
post-template-default,single,single-post,postid-2719,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Cosa sono i GAS?

Cosa sono i GAS?

La sigla GAS sta per Gruppi di Acquisto Solidali e indica una realtà in forte crescita nel nostro paese, per quanto non pubblicizzata come meriterebbe.

Di cosa si occupano esattamente questi gruppi?
Di risparmio. Eh si, perchè in tempi di crisi come quelli attuali, riuscire a risparmiare anche di poco sulla spesa alimentare è importante, soprattutto per le famiglie.

Secondo un rapporto presentato da Coldiretti sulle abitudini alimentari degli italiani relative allo scorso anno, nel 2009 i GAS sono cresciuti fino al 30% in più.

I Gruppi di Acquisto Solidali sono formati da persone comuni legate da rapporti di amicizia, di lavoro, di vicinato: queste persone scelgono di fare fronte comune e di acquistare i generi alimentari direttamente dal produttore. La preferenza viene accordata ai piccoli fornitori, ancora meglio se locali e ancora meglio se biologici, in modo da prende due piccioni con una fava ed aiutare oltre a sè stessi anche chi lavorain modo onesto e responsabile, nel rispetto delle persone e dell’ambiente.

In Italia al momento esistono ben 600 GAS registrati e le regioni più attive sono la Lombardia, la Toscana, il Piemonte, il Veneto e l’Emilia Romagna. Medaglia nera alla Basilicata e al Molise, che hanno un solo GAS a testa.

Esiste ovviamente un sito di riferimento per saperne di più e per utilizzare i servizi del GAS di riferimento, ed è www.retegas.org

Inoltre, per informarsi ancora meglio, è disponibile per le Edizioni Ambiente il libro L’altra spesa, che racconta l’esperienza diretta di vari aderenti a diversi GAS ed apre anche la visuale su un interessante confronto con i GAS stranieri.

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment