Cosa si mangia nella cucina spagnola delle Asturie?

Le Asturie sono una regione spagnola affacciata sull’oceano Atlantico, detta anche “Spagna verde” e particolarmente nota per la ricchezza delle ricette a base di pesce. Nella tradizione gastronomica asturiana si utilizzano molto i condimenti, al punto che questa zona è spesso definita come “la terra delle salse”. Si tratta però di una definizione riduttiva, che non tiene conto della grande varietà di piatti tipici che caratterizzano la cucina delle Asturie.

Cucina spagnola delle Asturie

Piatti di mare nella cucina delle Asturie

I crostacei e i molluschi provenienti da questa zona della Spagna sono molto apprezzati in tutto il paese, così come gli oricios (ricci di mare) e il salmone. Le ricette tipiche asturiane a base di prodotti ittici sono:

  • Caldereta
    si tratta di un ricco stufato preparato con diversi tipi di pesce, polpa di granchio e aragosta cucinati con cipolla, pomodoro fresco, prezzemolo tritato ed insaporiti con una spruzzata di cognac e di vino bianco secco.
  • Salmón a la Ribereña
    il salmone fresco viene cucinato con prosciutto, pancetta e vino bianco (o sidro).
  • Merluza a la Sidra
    è un piatto molto popolare nei ristoranti di questa regione, al punto che è raro non vederlo presente sul menu. Il merluzzo asturiano è noto per la sua eccellente qualità, che viene esaltata in una ricetta che prevede l’impiego di vongole, pomodori, patate, aglio, cipolle e mele, il tutto aromatizzato con sidro. Il Merluza a la Sidra viene prima cotto in un recipiente tradizionale di terracotta, e poi passato al forno.

Altre tipicità della cucina delle Asturie

Nonostante l’abbondanza, la varietà e la qualità dei prodotti ittici asturiani, in realtà il piatto più famoso di questa regione è a base di carne: la Fabada Asturiana. Si tratta di un ricco stufato preparato con grossi fagioli bianchi tipici della regione (fabes), spalla di maiale (lacón), salsiccia (chorizo), sanguinaccio (morcilla) e zafferano. La fabada asturiana è una ricetta talmente apprezzata da essere stata esportata in tutto il mondo (persino già pronta, in lattina!) dagli emigranti spagnoli.

Con gli stessi fagioli bianchi asturiani si può preparare una grande varietà di piatti, ad esempio utilizzando funghi, carne di coniglio e persino salmone fresco. Un piatto tipico di Oviedo, la capitale delle Asturie, è la Carne Gobernada, una ricetta a base di manzo che viene stufato a lungo nel vino insieme alle cipolle. La cottura è lenta e a fiamma bassa, e può durare per ore: al termine la carne risulta tenerissima.

Formaggi tipici delle Asturie

Le Asturie sono note come ‘el pais de los quesos’, ovvero “la terra dei formaggi”. Qualche esempio? L’Afuega’l pitu è un formaggio tipico asturiano a base di latte vaccino non pastorizzato, mentre il Cabrales è fatto con latte di capra ed è ricercatissimo dai gourmet. Il Cabrales è probabilmente il formaggio più famoso di tutte le Asturie, ed è anche un prodotto a Denominazione (D.O.) riconosciuto a livello europeo;: il suo odore è particolarmente pungente, così come il suo sapore, deciso e forte. La particolarità di questo formaggio è la presenza di venature di muffa, simili a quelle di altri formaggi erborinati come ad esempio il Gorgonzola o il Roquefort; inoltre la stagionatura del Cabrales avviene all’interno di grotte di origine naturale.

Altri formaggi tipici asturiani sono, in particolare:

  • Peñamellera
    è un formaggio semiduro prodotto in due tipologie diverse: con latte di pecora e/o latte di capra in primavera ed in estate, e con latte vaccino nel resto dell’anno.
  • Gamonedo
    si tratta di un formaggio ottenuto da un mix equilibrato di latte intero di pecora, capra e vacca. Il formaggio viene sottoposto ad una leggera affumicatura e lasciato stagionare per almeno tre mesi in grotte naturali.

Dolci e bevande tipiche delle Asturie

I dolci più tipici asturiani sono i Frixuelos, simili in tutto e per tutto a delle crêpes che possono essere farciti, ad esempio, di mele cotte (frixuelos de manzana). Sempre a base di mele, stavolta tagliate a fette sottilissime, è la Tarta de Manzana, una torta morbida racchiusa in un guscio di pastafrolla e ricoperta di confettura di albicocca. I Carajitos sono invece delle frittelle farcite con una pasta di nocciole.

Nelle Asturie si può anche gustare una particolare tipologia di Arroz con Leche, un dolce diffusissimo in tutta la Spagna ma che qui viene cucinato in modo particolare. Questo budino di riso viene preparato mettendo a cuocere il riso nel latte zuccherato e aromatizzato con scorza di limone e cannella; il tocco “asturiano” è rappresentato dall’aggiunta di un generoso strato di caramello prima che di servirlo.

Un ottimo accompagnamento a questi dessert è il sidro locale (sidra) che, prodotto con la fermentazione di mele acerbe invece che mature, si differenzia dai sidri prodotti altrove proprio per il suo gusto acidulo. Il contenuto di alcol di questa bevanda è solitamente piuttosto contenuto, e non supera mai i 4-6°. Legata a doppio filo con la produzione casalinga del sidro è la tradizione delle Espichas ovvero dei “primi assaggi”, occasioni di ritrovo nelle quali le famiglie, gli amici e i vicini di casa fanno festa tutti insieme assaggiando il sidro mentre ancora sta fermentando nei barili. Durante le Espichas il sidro fa da degno accompagnamento alle prelibatezze della tradizione gastronomica asturiana ed in particolar modo a prosciutti, salsicce, pane casereccio e formaggio Cabrales stagionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.