Top
Carne biologica: guida per conoscerla
fade
2371
post-template-default,single,single-post,postid-2371,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Carne biologica

Carne biologica

Come viene prodotta la carne biologica

Negli allevamenti che producono questo tipo di carni le condizioni di vita degli animali – siano essi bovini, suini, ovini, pollame o altri – sono molto diverse rispetto a quelle che si riscontrano all’interno degli allevamenti intensivi. Infatti la carne biologica viene prodotta nel rispetto del benessere animale, e ciò significa possibilità di muoversi a piacimento (anche all’esterno della stalla) e concentrazioni di capi ben lontane dal sovraffollamento che caratterizza la maggior parte degli allevamenti oggi esistenti.

Carne biologica

Inoltre per l’alimentazione di questi animali vengono usati foraggi e mangimi ottenuti da agricoltura biologica, ovvero non geneticamente modificati e coltivati senza l’ausilio di fitofarmaci, concimi chimici o insetticidi. L’utilizzo di ormoni per stimolare la crescita è tassativamente vietato, al pari degli antibiotici per la prevenzione delle patologie; il loro impiego è comunque ammesso in dosi minime a livello terapeutico.

Gli aspetti positivi della carne biologica

In alcuni casi i prodotti animali biologici possono costare anche il doppio rispetto a quelli ordinari: ne vale davvero la pena? Disponibilità economiche permettendo, scegliere di consumare questi alimenti consente al consumatore di esprimere la propria preferenza nei confronti di metodi di allevamento più “umani” e di pratiche agricole e zootecniche che generano minori impatti ambientali.

Ad esempio, essendo gli animali allevati con una densità inferiore, risultano minori anche le deiezioni prodotte che possono essere sparse nei campi in quantità ottimali e nella certezza che queste siano naturali al 100%.

Ancora, le basse densità di capi fanno sì che le malattie si diffondano meno, e il limitato ricorso agli antibiotici – di cui peraltro spesso si abusa negli allevamenti intensivi – evita l’insorgenza di fenomeni di resistenza da parte dei batteri e preserva le capacità terapeutiche di questi preziosi prodotti farmaceutici. Per questi motivi, e non solo, la carne biologica è vista come un prodotto decisamente più sostenibile dal punto di vista ambientale.

La carne biologica fa bene alla salute?

Anche se, come evidenziato da diversi studi, secondo molti consumatori la carne e i prodotti biologici sono percepiti come più nutrienti e benefici rispetto ai loro corrispettivi tradizionali, in realtà non vi sono prove scientifiche a sostegno di tali convinzioni. Una cosa però è certa: consumare prodotti animali “bio” significa compiere una scelta che va nella direzione di tutelare l’ambiente rispettando, al tempo stesso, la salute dei capi di allevamento.

Altro fattore importante è che nella carne biologica non sono presenti residui di prodotti chimici potenzialmente dannosi per la salute, come ad esempio pesticidi di origine agricola, senza dimenticare che scandali come la mucca pazza non si sarebbero mai verificati se i bovini fossero stati alimentati in modo naturale e non con sottoprodotti derivati dalle carcasse di loro simili.

Giovanni Lattanzi
No Comments

Post a Comment