La cottura della pasta nel forno a microonde

Per poter realizzare con il microonde la maggior parte delle ricette tradizionali, occorre prestare attenzione ad alcune regole di base. Scopriamo come procedere con la cottura della pasta nel forno a microonde.

come cuocere la pasta nel forno a microonde

Come cuocere la pasta nel forno a microonde

L’utilizzo del microonde consente di seguire un regime leggermente dietetico, in quanto si possono ridurre notevolmente i quantitativi di grassi, soprattutto cotti, dal momento che si sfruttano quelli contenuti naturalmente nel cibo.

Il soffritto, ad esempio, non richiede molto condimento, perchè la cottura è talmente rapida da non riuscire ad assorbirlo, ed è per questo che i soffritti preparati con il microonde risultano saporiti, leggeri e molto digeribili, per il vantaggio della salute.

Inoltre si riducono i tempi di cottura di almeno un terzo, il che non è certo un dettaglio trascurabile per chi va sempre di fretta.Basti pensare che non si deve perder tempo neanche quando si prepara un sugo, perchè salse e sughi non si attaccano sul bordo del tegame e non bruciano, è sufficiente mescolarli di tanto in tanto, e non in continuazione come avviene con la cottura tradizionale. L’unico accorgimento da prendere, qualora si stia preparando un sugo al pomodoro, è utilizzare una potenza elevata all’inizio per poi smorzarla man mano.

Per quanto riguarda la pasta, i tempi di cottura sono gli stessi del metodo tradizionale, ma il vantaggio fi non dover mescolare in continuazione e di non temere attaccature al recipiente.
Si versano 500 gr in un litro di acqua bollente, dopo 5 o 6 minuti si spenge il forno ma si lascia riposare la pasta nel microonde ancora per qualche minuto, quindi si unisce il condimento e si porta in tavola ben calda senza toglierla dal recipiente. Il tempo di cottura varierà in base al formato, più o meno grande. Se la pasta è lunga, tipo spaghetti, è bene adoperare un recipiente lungo ed ovale, in modo che la pasta possa essere completamente sommersa.

Per il risotto, invece, basta aggiungere in una sola volta tutto il brodo bollente in quantità doppia rispetto al riso, e programmare la durata della cottura.

I tempi di cottura vanno comunque considerati sempre con un pò di approssimazione: il metodo migliore per determinare il tempo di cottura dei vari alimenti è quello di pesarli. Per avere una cottura normale, occorre in linea generale un tempo di 6-7 minuti ogni 500 gr.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.