I contenitori per cuocere a microonde

Nel forno a microonde si possono utilizzare in genere quasi tutti i materiali con cui vengiono realizzati i recipienti da cucina, esclusi quelli di metallo. Scopriamo quali sono i contenitori per cuocere a microonde più efficaci.

i contenitori per cuocere a microonde

I contenitori per cuocere a microonde

Questo materiale si comporta infatti come uno specchio, respingendo le microonde e riflettendole sulle pareti dell’apparecchio, per cui è il caso di evitarlo, sia che il recipiente sia tutto di metallo, sia che abbia solo decorazioni o rifinituremetalliche.

No anche al cristallo, perchè potrebbe rompersi.

I recipienti più adatti sono quelli di vetro, vetroceramica o pyrex, che permettono di controllare l’andamento della cottura direttamente dall’esterno, o quelli di terracotta, consigliati per gli umidi, i sughi e gli stufati, doppiamente vantaggiosi in quanto possono essere portati direttamente in tavola.

L’uso del coperchio dello stesso materiale del recipiente ha la funzione di accellerare e rendere più uniforme la cottura, impedendo la dispersione del vapore. Se i recipienti non sono provvisti di coperchio, si può utilizzare la carta da cucina, la carta oleata, la pellicola da microonde o dei sacchetti per cuocere.

I contenitori in plastica possono essere utilizzati senza problemi, purchè siano del tipo indeformabile: per accertarsi che siano in grado di sopportare le alte temperature, controllare che sul fondo sia presente il simbolo per il lavaggio in lavastoviglie.

Molto importante è anche la forma del recipiente, poichè incide sul tempo di cottura e deve quindi essere proporzionata al volume e al tipo di alimento da cuocere: se è tagliato a fette sottili, sarà meglio usare un recipiente basso e largo per permettere una cottura più rapida dall’esterno verso l’interno; se le pietanze da cuocere sono a base di verdure o di brodo, è preferibile usare dei recipienti alti e stretti.
Inoltre, più il materiale del recipiente è leggero, più la cottura sarà rapida.

I materiali più pratici da utilizzare sono la carta e il cartone, perchè possono essere gettati dopo l’uso e sono indicati per la cottura di cibi privi di sughi che non richideano una lunga permanenza nel forno, altrimenti c’è il rischio che brucino.
Per quanto riguarda i tovaglioli di carta, vanno bene per avvolgere il pane ed assorbirne l’umidità durante il riscaldamento.

I contenitori in vetro e vetroceramica sono adatti sia alla fase della cottura che a quella della presentazione, mentre i recipienti in pyrex permettono, grazie alla loro trasparenza, di controllare la cottura attraverso il vetro dello sportello da forno. Essendo inoltre dotati, nella maggior parte dei casi, di un coperchio, i cibi vengono cotti in maniera rapida ed uniforme, dal momento che non avviene alcuna fuoriuscita di grassi e vapore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *