Top
Il forno a microonde, scongelamento e cibi precotti
fade
1838
post-template-default,single,single-post,postid-1838,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Il forno a microonde, scongelamento e cibi precotti

Il forno a microonde, scongelamento e cibi precotti

Il microonde è perfetto per scongelare rapidamente ed evitare così la dispersione dei principi nutritivi, delle vitamine e dei sali minerali.

Uno dei migliori sistemi per scongelare è quello ad intermittenza, cioè accendendo e spegnendo l’apparecchio.

Il tempo di riposo è infatti molto importante, perchè il cibo si scongela gradualmente senza che il centro rimanga freddo. I cibi coperti scongelano, inoltre, più velocemente e mantengono la loro umidità naturale.

Altra capacità del forno a microonde da non sottovalutare è la velocità di riscaldamento dei cibi precotti, che offre degli ottimi risultati restituendo tutte le caratteristiche del cibo appena cucinato. In pochi minuti si può riscaldare un pasto senza alterarne il gusto: i cibi che non perdono l’umidità risultano infatti più gustosi.

A meno che l’intensità non sia bassa, gli alimenti ricchi di grasso o zucchero richiedono tempi brevi, mentre le grandi quantità devono essere mescolate spesso, in modo da spostare verso il centro il cibo scongelato.

I cibi che contengono pochi liquidi vanno riscaldati ad una bassa intensità e preferibilmente coperti, ma attenzione a prediligere sempre i contenitori poco spessi e poco opachi.

Lo spessore e l’opacità ostacolano il passaggio delle microonde, rallentandolo, e impediscono di seguire ‘da fuori’ la cottura. Lo stesso vale per la plastica, che deve essere il più possibile leggera.

Infine, per agevolare il contatto delle microonde con gli alimenti e ottimizzare così i tempi di cottura, è bene disporli con le parti più spesse verso l’esterno del recipiente.

Debora De Santis
No Comments

Post a Comment