Top
Il bergamotto
fade
14982
post-template-default,single,single-post,postid-14982,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Il bergamotto

Bergamotto

Il bergamotto

È una tra le risorse più conosciute e utilizzate dall’uomo e, oggi, anche un prodotto utile al benessere del nostro organismo. Stiamo parlando del bergamotto che, dopo aver conquistato il settore delle essenze, si sta gradualmente imponendo sulla nostra tavola con un succo dissetante e piacevole, apprezzato soprattutto nelle stagioni più calde.

Il bergamotto è un agrume dalle tante sfaccettature: usato da almeno tre secoli nella preparazione dei profumi, ultimamente ha cominciato a farsi strada anche nel comparto alimentare, come prodotto targato made in Italy. In effetti si tratta di risorsa “trasversale” e versatile. Il perché è presto detto: usato anche in campo farmaceutico, il prezioso agrume costituisce una risorsa per l’Italia e, in particolare, per la Calabria: la sola regione contribuisce per oltre il 90% all’offerta mondiale. Molte aziende del territorio hanno sfruttato le peculiarità di questo prodotto: sul web e, in particolare, con la piattaforma Artimondo hanno creato uno sbocco commerciale all’agrume, valorizzando l’impegno dei piccoli produttori del territorio.

Il bergamotto (citrus bergamia) non è una pianta spontanea ma è probabilmente d’origine ibrida. Dal XIII secolo in poi si ha notizia di coltivazioni sul litorale di Reggio Calabria. Risale invece a circa 100 anni dopo la prima estrazione di olio essenziale di bergamotto, contenuto nella buccia ma anche nelle foglie, nei fiori e nei rami di questa pianta.

La considerazione sul valore del prodotto è aumentata negli ultimi anni, grazie pure alla ricerca scientifica: uno studio condotto dall’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” ha dimostrato che l’assunzione del bergamotto genera “un significativo aumento di colesterolo HDL (quello “buono”) ed una diminuzione del colesterolo LDL (quello “cattivo”), del colesterolo totale dei trigliceridi e dei glucidi con una normalizzazione dei livelli di CPK e di transaminasi”.

Una conferma significativa da parte del mondo della ricerca, che ha certificato le proprietà benefiche del “frutto della salute”. Anche l’Università della Calabria ha ulteriormente sancito la peculiarità del prodotto, certificando la presenza di flavonoidi (brutieridina, melitidina, peripolina) nella spremuta di bergamotto.

Tra i prodotti che stanno incontrando, sempre più, il gradimento della gente c’è appunto il succo al bergamotto di prima spremitura, che garantisce la naturalezza e la genuinità dell’agrume mantenendo inalterate le sue proprietà benefiche. Un prodotto a “filiera corta”, realizzato con agrumi coltivati e spesso trasformati nella stessa azienda, che ha trovato un luogo di promozione e valorizzazione nella piattaforma Artimondo. Un e-commerce che nasce per promuovere in Italia e nel mondo la bellezza, la bontà, l’originalità e l’autenticità dei prodotti artigianali. Lo shop on line ha individuato e selezionato numerose aziende che, a vario titolo, se ne occupano: Consorzio Motta (Reggio Calabria), Azienda agricola Patea (Brancaleone), La Spina Santa (Bova Marina), Azienda agricola Pratticò Arturo (Africo), Azienda agricola Francesco Gangemi (Reggio Calabria).

Questa rete è, oggi, presente in Europa con piattaforme in Italia, Germania, Regno Unito, Francia e Spagna e raccoglie le eccellenze di 611 artigiani (oltre 10.000 prodotti singoli, più di 21.000 prodotti complessivi). Qui è possibile entrare direttamente in contatto con i produttori locali, che rendono Artimondo la piattaforma europea leader per la promozione dei prodotti al bergamotto.

Milena Talento
No Comments

Post a Comment