La ricetta dei barfi

I barfi sono dei piccoli dolcetti tipici della tradizione indiana, che vale la pena di preparare almeno una volta. Sono molto dolci e prevedono nell’impasto sia le spezie che la frutta secca.

La ricetta dei barfi
Porzioni 20
Come spezie si utilizzano il cardamomo e la cannella. Il cardamomo ha un sapore dolciastro e in più ha un aroma fresco e intenso che ricorda molto quello del limone. Anche la cannella è dolciastra ed è spesso utilizzata nella preparazione di torte e dolci, anche nella cucina italiana. Come frutta secca si usano invece i pistacchi, gradevoli da gustare e perfetti per decorare i biscotti. Le dosi indicate sono per circa 20 barfi di medie dimensioni, e se per caso ne avanza qualcuno potete conservarli tranquillamente per qualche giorno, a condizione di tenerli in luogo asciutto, lontano da fonti di calore, in un contenitore a chiusura ermetica o in una scatola di latta.
Vota
Stampa
Ingredienti
  1. 1 litro e 1/2 di latte intero
  2. 220 gr di zucchero
  3. 170 gr di mandorle (in polvere)
  4. ½ cucchiaio di cardamomo in polvere
  5. ½ cucchiaino di cannella
  6. 3 cucchiai di pistacchi (sgusciati)
  7. burro q.b.
Istruzioni
  1. Per prima cosa fate bollire il latte. Dopo l’ebollizione aggiungete lo zucchero e tenetelo sul fuoco per altri 10 minuti, mescolando continuamente.
  2. Unite anche la polvere di mandorle e proseguite la cottura. Quando vi accorgete che il composto di latte zucchero e mandorle inizia a staccarsi dai bordi e dal fondo del pentolino, spegnete il fuoco (deve essere abbastanza solido).
  3. Aggiungete il cardamomo e mescolate ancora.
  4. Versate il composto su un piatto e spianatene la superficie, utilizzando il dorso di un cucchiaio o di un coltello.
  5. Sempre con un coltello, preferibilmente appuntito, dividetelo in quadrati.
  6. Tritate i pistacchi.
  7. Cospargete ogni quadrato con la granella di pistacchi. I vostri barfi sono pronti per essere serviti.
Consiglia ricette http://www.consigliaricette.com/
Tags:

2 Commenti

  1. jimmy
  2. Jennyfer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.