Tortillas: ricetta

Le tortillas rappresentano forse il piatto più emblematico della cucina messicana, uno di quelli diffusi, preparati e apprezzati un po’ ovunque. Si tratta peraltro di una pietanza semplicissima che proprio per questo si presta a numerose varianti, a loro volta diventate preparazioni messicane fra le più conosciute. Cosa sono le tortillas? Sono delle sottili sfoglie a base di mais o di frumento. Tutto qui.

Ricetta delle tortillas

Poche parole e pochi ingredienti che possono racchiudere un mondo, generalmente piccante. In alcune zone del Messico viene utilizzata la farina di frumento al posto della farina di mais, ma per tradizione è il mais l’ingrediente principale, quello che conferisce alle tortillas il loro sapore caratteristico. In termini di leggerezza, invece, non cambia molto, per cui vale la pena di provare entrambe le versioni, soprattutto se si preparano in casa.

Ricetta delle tortillas

Secondo la ricetta originale, le tortillas si preparano su una speciale piastra dal nome ‘comal’. Ovviamente chi vuole cimentarsi una volta nella preparazione di queste sfoglie di farina di mais potrebbe non avere a disposizione un comal, ma niente paura. Basta utilizzare una padella molto ampia e antiaderente per riuscire nell’impresa, confidando anche nel fatto che le tortillas si possono acquistare anche al supermercato già pronte e quindi nel caso di un fallimento al primo tentativo si può sempre barare davanti a eventuali ospiti…

Scherzi a parte, gli ingredienti per preparare le tortillas sono semplicissimi, di quelli che generalmente si trovano sempre in casa, a parte forse la farina di mais.

Per 4 tortillas occorrono:

  • 80 gr di farina di mais
  • 1 cucchiaino di olio di semi
  • sale q.b.

La preparazione è altrettanto facile:

mettete in una ciotola 100 ml di acqua appena tiepida e scioglietevi la farina di mais, l’olio e un pizzico di sale. Impastate con delicatezza e poi lasciate riposare per circa 15 minuti. Quando l’impasto è pronto, dividetelo in 4 palline più o meno della stessa grandezza e stendetele con il mattarello in 4 sfoglie sottili.

Fate cuocere le tortillas in una padella appena unta di olio, una alla volta, facendole cuocere due o tre minuti per ogni lato. In risultato dovrà essere una sfoglia sottile ma morbida, non croccante, con un colore uniforme da tutte le parti.

Tipi di tortillas

La tortilla viene chiamata in molti modi, in base al modo in cui viene ripiegata e farcita. Le tortillas più note sono le enchiladas, le empanadas, le fajitas, i tacos e i burritos. Vediamo in cosa si differenziano tra loro.

  • enchiladas
    ricordano i cannelloni, perché le tortillas sono ripiegate in rotoli di media grandezza e farcite con un tipico ripieno piccantissimo.
  • empanadas
    sono hanno invece la forma di una mezzaluna e una farcitura di vario tipo che può prevedere anche la frutta, ragion per cui vengono anche presentate come dolci.
  • fajitas
    sono semplicemente le tortillas, prive di ripieno; in questa veste sono di accompagnamento ad altre pietanze, ad esempio le insalate.
  • tacos
    sono ripiegati in due parti e farciti in modo ricco, con vari tipi di carne e la salsa piccante.
  • burritos
    sono tortillas fatte con la farina di frumento, non di mais, e hanno la forma di fagottini. Il ripieno può essere non solo di carne, ma anche di pesce o di riso.

Nessuna risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.