Top
Involtini primavera: ricetta
fade
12195
post-template-default,single,single-post,postid-12195,single-format-standard,eltd-core-1.1.1,flow-ver-1.3.6,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-grid-1300,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-vertical,eltd-sticky-header-on-scroll-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-light-header,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Involtini primavera: ricetta

Involtini primavera: ricetta

Ricetta degli involtini primavera

Ricetta degli involtini primavera

Le ricette degli involtini primavera sono diverse, alcune prevedono le sole verdure per il ripieno, mentre altre anche la carne o il pesce, soprattutto quei gamberetti che sono onnipresenti nella cucina cinese. Secondo la tradizione, gli involtini primavera si preparavano durante le feste, ma ormai sono conosciuti come antipasti. Anzi, si può dire che rappresentino l’antipasto per eccellenza, quello da cui non si può prescindere se si mangia al ristorante cinese. Per consuetudine vengono serviti in coppia, così che i commensali possano dividerli se ne vogliono solo uno.

Ingredienti per 10 involtini primavera

Nella ricetta che segue abbiamo scelto di preparare tutto a mano, sia gli involtini che il ripieno. Gli involucri degli involtini possono però tranquillamente essere comprati già pronti, così da rendere la preparazione più veloce, senza grandi interferenze dal punto di vista del sapore.

Per quanto riguarda il ripieno, abbiamo scelto di comprendere anche la carne, ma è bene sapere che il tipo di involtini primavera più diffuso è fatto con le sole verdure

Ingredienti per gli involucri

  • 150 gr di farina
  • 4 cucchiai di maizena
  • 1 cucchiaino di sale

Ingredienti per il ripieno

  • 200 gr di carne di suino
  • 2 carote
  • 100 gr di cavolo bianco
  • 1 costa di sedano
  • 2 cipollotti
  • 120 gr di germogli di soia
  • 1 cucchiaio di olio di semi d’arachide
  • 2 cucchiai di salsa di soia

Per friggere

  • olio di semi d’arachide q.b.

Preparazione degli involtini primavera

Il primo passo è setacciare la farina e la maizena in una ciotola abbastanza ampia, perché è qui che si preparerà la pastella. Per farlo bisogna aggiungere il sale e circa 350 ml di acqua, e mescolare energicamente finché il composto non diventa liscio e privo di grumi; a questo punto deve essere lasciato a riposare per 30 minuti in luogo asciutto.

Mentre la pastella riposa, si passa al ripieno, iniziando con il lavare e pulire tutte le verdure: prima il sedano, e a seguire le carote, il cavolo e i cipollotti. Poi si tagliano in tutte a listarelle molto sottili, per dare il ripieno la classica forma di quello degli involtini primavera che si mangiano al ristorante.

A questo punto si deve ridurre la carne in pezzetti piccolissimi, e una volta fatto questo si inizia finalmente a cuocere il tutto. Per prima la carne di maiale, che va rosolata per 5 minuti in padella o, ancora meglio, in un wok. Quando è ben cotta da tutte le parti, è il momento di unire anche parte verdure e la salsa di soia, per poi proseguire la cottura ancora un po’. Non indichiamo un tempo di cottura, perché bisogna controllare che le carote, il sedano e i cipollotti diventino croccanti. Per ultimi il cavolo e i germogli di soia, che vanno saltati solo per un minuto, giusto per farli amalgamare con gli altri ingredienti.

Il ripieno per gli involtini è pronto, deve solo raffreddarsi un po’ e si può sfruttare questo tempo per preparare gli involucri, utilizzando una padella antiaderente, possibilmente di quelle specifiche per le crépes. Basta ungerla leggermente di olio d’arachidi e versarvi poca alla volta la pastella, aiutandosi con un cucchiaio o un mestolo. Si otterranno delle sfoglie simili alle crèpes, ma molto più sottili, che andranno poggiate su un piatto o un piano di lavoro e riempite con un po’ del ripieno preparato. Una volta arrotolate le sfoglie su se stesse e chiusi tutti i lati, gli involtini vanno fritti nell’olio bollente fino a che tutti i lati non diventano di un caldo colore dorato. Un rapido passaggio nella carta da cucina assorbente per eliminare l’olio in eccesso, e gli involtini primavera sono pronti per essere serviti, con l’accompagnamento della salsa di soia in una ciotolina a parte.

Le calorie degli involtini primavera

Gli involtini primavera non sono troppo calorici, pur essendo fritti, perché in fondo sono ripieni di verdure, alcune delle quali ad elevato valore diuretico, come il sedano. Per 100 gr di involtini primavera siamo intorno alle 230 calorie: un solo involtino pesa più o meno 75 gr, quindi anche mangiandone due come si fa di solito, si superano di poco le 250 calorie. Può essere interessante sapere che con uno degli antipasti fritti più classici, il supplì, si introducono 200 calorie.

Giovanni Lattanzi
No Comments

Post a Comment