Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Pollo Tandoori: ricetta

Il pollo tandoori è forse il piatto più famoso della cucina indiana, uno di quelli cucinati davvero in tutto il mondo come la nostra pizza. Per tradizione andrebbe cotto nel caratteristico forno indiano realizzato in terracotta; ovviamente non è detto che ce ne sia uno nelle nostre case, per cui è tranquillamente possibile usare altri tipi di forno, ma non bisogna per questo dimenticare che il nome stesso di questa pietanza derivi proprio dal tipo di forno usato tradizionalmente per cuocerlo.

Pollo Tandoori: ricetta

Il forno nel quale viene cotta questa pietanza si chiama infatti “tandoor” e serve nello specifico per la cottura non solo della carne ma anche del tradizionale pane indiano, e lo si riconosce dalla sua caratteristica forma a cilindro. In origine il tandoor era fatto addirittura al momento con l’argilla, ed è proprio da questo materiale naturale che deriva il particolarissimo sapore che acquisisce la carne quando viene cucinata al suo interno.

La tradizione del pollo tandoori

Il pollo viene condito con un mix di spezie (paprika, curcuma, zenzero) e viene accompagnato a tavola da un tipo speciale di pane, che si chiama chapati. Nell’aspetto esso richiama vagamente una piadina, in quanto si tratta comunque di una forma di rotonda, bassa e schiacciata. Pollo tandoori e chapati vengono serviti insieme, con quest’ultimo diviso in pezzi più o meno grandi, di forma triangolare o quadrata.

Ricetta del pollo tandoori

Gli ingredienti per 4 persone

  • 4 petti di pollo
  • 1 limone
  • 2 cucchiaino di semi di cumino
  • 1 cucchiaino di semi di senape
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 2 cucchiaini di semi di coriandolo
  • 1 cucchiaino di zenzero grattugiato
  • Salsa di pomodoro q.b.
  • 2 pomodori rossi
  • olio e prezzemolo q.b.
  • sale

Per la salsa

  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 scalogno
  • 1 cucchiaino di zenzero grattugiato
  • 1 cucchiaio di semi di coriandolo
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere

La preparazione

Per ottenere un buon pollo tandoori dovete iniziare il giorno prima, preparando una marinata paprika, zenzero, cumino, semi di coriandolo e una certa quantità d’olio. Spremete il limone in un piatto e teneteci immersi i petti di pollo per alcuni minuti, per poi passarli nella marinata già preparata. Fate attenzione che il pollo sia completamente ricoperto dalla marinata, copriteli con la pellicola trasparente e teneteli in frigorifero per un minimo di 10 ore. Se avanza della marinata, mettetela in una coppetta o in un piattino e conservatela insieme al pollo in frigo.

Al momento di mangiare il pollo, trasferitelo in una teglia e fatelo cuocere per circa 30 minuti nel forno ben caldo, a non meno di 200°. Quando il pollo è pronto, trasferitelo in un piatto e conservate anche il fondo della cottura.

Ora dovete preparare un’altra salsa, quella che servirà per accompagnare il pollo. Gli ingredienti da mescolare sono l’aglio, la parika, i semi di coriandolo, lo zenzero e la curcuma. Fate tostare i semi di cumino e i semi di senape in padella con un paio di cucchiai d’olio: aggiungete la salsa alle spezie appena preparata e mettetela sul fuoco a fiamma bassa per una decina di minuti, avendo cura di mescolare regolarmente. Tagliate i pomodori in piccoli pezzi e aggiungeteli nella padella, insieme a un cucchiaio abbondante di salsa di pomodoro e al fondo di cottura del pollo; se è avanzata la marinata iniziale aggiungete anche quella. Proseguite la cottura per qualche altro minuto e regolate di sale e prezzemolo. Il pollo tandoori è pronto per essere servito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.