Cosa si mangia nella cucina spagnola delle Baleari?

Le isole Baleari (Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera) si trovano al largo della costa spagnola e, data la vicinanza geografica, la loro tradizione culinaria può essere vista come un’estensione della cucina catalana e valenciana. Nonostante ciò nelle Baleari la cucina, insieme alle tradizioni, ha orgogliosamente mantenuto la propria individualità. Ricca soprattutto di prodotti freschi, come pesce, cereali, verdure e legumi, la cucina delle Baleari è semplice e tendenzialmente povera di grassi.

Cucina spagnola delle isole Baleari

Piatti di pesce e crostacei nella cucina delle Baleari

Sicuramente è il pesce a dominare le tradizioni enogastronomiche della cucina delle isole Baleari come, ad esempio, il bullit de peix, un ricco stufato preparato con frutti di mare, crostacei e patate. Altri cavalli di battaglia della cucina delle Baleari sono:

  • Atún a la ibicenca
    preparato con tonno fresco, vino bianco, pinoli ed uvetta.
  • Arròs de peix
    riso cotto nel brodo con pezzetti di pesce misto.
  • Llampuga amb preves
    pesce (lampuga) cucinato con peperoni.

Il pesce fresco, pescato in giornata, è soprattutto esaltato da cotture semplici come quella alla griglia, perciò una delle modalità di consumo più diffuse è il pesce cucinato a la plancha, servito con un contorno di riso, patate, verdure e salsine.

Molto apprezzati in cucina sono anche i crostacei delle Baleari, introvabili al di fuori di queste isole, fra i quali spiccano l’aragosta di Minorca e i gamberi di Maiorca (varietà Cigala Mallorquina). Queste specialità possono essere gustate, ad esempio, nella caldereta de langosta (stufato di aragosta con peperoni) e nell’arroz con langosta (riso con aragosta e crostacei).

Piatti di carne nella cucina delle Baleari

Per quanto riguarda le carni, il tipico insaccato locale è la sobrasada, una salsiccia prodotta con carne di maiale, paprika ed altre spezie. Esistono versioni sia dolci (dolç) che piccanti (coent) della sobrasada, queste ultime caratterizzate da un colore rosso acceso e per le quali si impiega anche del pepe di Cayenna nell’impasto. A seconda delle dimensioni dell’insaccato, che variano in base al diametro del budello impiegato, si distinguono:

  • Llonganissa
    una sobrasada molto sottile prodotta con l’intestino tenue.
  • Cular o pultrums
    versioni abbastanza spesse e di grandi dimensioni della sobrasada.
  • Bufetes o bisbe
    queste sobrasadas vengono insaccate nel la vescica di maiale e sono molto grandi e voluminose.

Molto popolare è il botifarró, anch’essa una salsiccia tipica soprattutto di Maiorca che viene preparata in diverse varianti, ad esempio con uova, sangue di suino o riso bollito nell’impasto. Tra i piatti a base di carne suina uno dei preferiti è il maialino da latte (lechona) arrosto.

Altre ricette tipiche delle cucina delle isole Baleari

Uno spuntino tipico delle Baleari, che spesso viene servito anche come aperitivo o durante i pasti, è il pa amb oli, ovvero letteralmente “pane e olio” con in aggiunta del pomodoro fresco. Sembrerebbe una preparazione semplice, quasi banale, e in effetti lo è, ma è resa unica dallo squisito olio extravergine di oliva che si produce in queste isole. Il pa amb oli è strettamente imparentato con il pa amb tomàquet della tradizione catalana, con la differenza che alle Baleari sul pane si mette prima il pomodoro e poi l’olio, mentre in Catalogna si fa l’esatto opposto. Il pa amb oli può essere arricchito anche con prosciutto serrano, filetti di acciuga o scaglie di formaggio.

Forse non tutti lo sanno, ma le isole Baleari sono la patria della maionese, e non la Francia!

Proprio in questo arcipelago, infatti, venne “inventata” la popolare salsa oggi diffusa in tutto il mondo. Il nome della maionese (mahonesa, nella lingua locale) deriva da Mahón, la località dell’isola di Minorca della quale è originaria. Narra la leggenda che nel 1757 a un cuoco al servizio del duca di Richelieu fu ordinato di preparare, per il suo superiore che non apprezzava troppo la cucina locale, una salsa per insaporire i piatti. Il cuoco si dovette ingegnare utilizzando i soli ingredienti a sua disposizione, ovvero uova e olio… e il resto è storia.

Maó, formaggio tipico delle Baleari

Il formaggio tipico di questo arcipelago è il Maó, prodotto quasi esclusivamente con latte vaccino (meno del 5% del latte può essere pecora) e che presenta una particolare forma rettangolare, dai bordi smussati. Questo formaggio può essere sia consumato fresco che stagionato, e in quest’ultimo caso presenta un sapore intenso e vagamente speziato. In base alla stagionatura si distinguono quattro tipologie di Maó (fresco, semistagionato, stagionato e maturo).

A seconda del metodo di produzione si può trovare il Maó Artesano, che viene prodotto artigianalmente con latte crudo e in piccole quantità, e il “semplice” Maó che deriva invece da lavorazioni industriali su grande scala.

Dolci e bevande della cucina delle Baleari

Nelle isole Baleari la cucina propone dolci che sono in genere preparati con spezie ed aromi, e in questo risentono molto dell’influenza araba. Il flaó, ad esempio, è una sorta di cheesecake preparato con formaggio fresco ed insaporito con menta e, talvolta, semi di anice. L’ensaimada, è invece una specialità dolciaria fatta con farina e strutto, e che viene spolverizzata con zucchero a velo. Le Ensaïmadas de Mallorca sono, in particolare, dolci tradizionali di Maiorca a forma di spirale molto famosi anche al di fuori delle isole Baleari.

Ottimo è anche il formaggio fresco dolce cotto al forno, detto greixonera de brossat, che assomiglia a una sorta di budino preparato con ricotta e cannella, ma anche le tortine di albicocche (coca de albaricoques) tipiche del periodo estivo. I crespells, infine, sono i tipici biscotti di Maiorca.

Per quanto riguarda le bevande alcoliche, nelle isole Baleari si può incontrare una grandissima varietà di vini, come ad esempio quelli rossi di Plà i Llevant e di Binissalem o le squisite malvasie locali. Tra i superalcolici più famosi troviamo il gin Xoriguer, prodotto a Maiorca nelle due varianti Pellofa e Pomada, i liquori artigianali aromatizzati al limone, arancia, mandarino o pesca e la frígola, un distillato aromatizzato al timo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.