Cucina spagnola della Catalogna

I migliori libri di cucina e ricette

La regione della Catalogna è storicamente abitata dal popolo catalano, le cui tradizioni e lingua parlata si discostano da quelle del resto della Spagna. Per questo motivo, non deve sorprendere il fatto che la cucina catalana sia a suo modo unica, anche se appartenente alla “grande famiglia” delle cucine mediterranee. La cucina catalana è diffusa non solo in questa regione ma anche ad Andorra e nella zona del Linguadoca-Rossiglione.

Gli ingredienti tipici della cucina catalana

La Catalogna è una regione affacciata sul Mediterraneo, ed è un territorio generoso che offre una grande varietà di ingredienti; il che ovviamente si ripercuote sulle ricette tipiche catalane, un vero e proprio tripudio di profumi e sapori. Ad esempio sono ottimi il pesce, i molluschi ed i frutti di mare che provengono dalla costa, mentre nell’entroterra sono diffuse le coltivazioni orticole ed in particolar modo di pomodori, peperoni, carciofi, melanzane e funghi.

Non bisogna inoltre dimenticare che la Catalogna è anche fatta di montagne e zone incolte, dove predominano attività come la pastorizia e l’allevamento: ecco perché salumi e formaggi catalani sono conosciuti per essere fra i migliori dell’intera Spagna. I formaggi più celebri sono il mató, molto simile alla ricotta e utilizzato anche per la preparazione di dolci, e il garrotxa, un formaggio di capra con una crosta vellutata simile a quella del Brie francese.

Cucina spagnola della Catalogna

I catalani sono soliti cucinare seguendo il motto “May y Mantagna”, ovvero “mare e montagna”, il che significa che frequentemente si mescolano nella stessa ricetta pesce e carne.

Le ricette “vegetariane” della cucina catalana

Dal sapore molto mediterraneo è il pa amb tomàquet (letteralmente: “pane e pomodoro”), un vero e proprio must della cucina catalana molto simile ad una bruschetta insaporita con pomodoro, aglio, un pizzico di sale ed olio extravergine di oliva.

I calçots, ovvero i cipollotti teneri, sono tipici della stagione primaverile e ad essi vengono addirittura dedicate delle feste, dette calçotadas. In occasione di questi ritrovi i calçots vengono cucinati alla brace e gustati con salse tipiche della tradizione. Una di esse è la salsa romesco, una specialità soprattutto di Tarragona a base di peperoni, mandorle, pomodori, peperoncino, aglio arrostito e olio di oliva. Fra i condimenti tipici troviamo la picada, una salsa preparata con frutta secca, aglio ed erbe aromatiche, ma la più famosa di tutte è senza dubbio l’alioli, una sorta di maionese densa aromatizzata con abbondante aglio.

L’escalivada è un contorno catalano semplice ma gustoso, a base di verdure miste grigliate (peperoni, cipolle, pomodori e melanzane privati della pelle e dei semi) e condite con olio di oliva.

I piatti a base di carne della cucina catalana

Molto apprezzati in cucina sono i salumi tipici catalani ottenuti dalle carni di maiale come, ad esempio, le salsicce prodotte nella zona di Vic, il jamón (prosciutto) e la butifarra. Quest’ultima è una salsiccia speziata, fresca, utilizzata sia come ingrediente di ricette che consumata da sola come tapas.

Lo stufato tipico della Catalogna è conosciuto con il nome di escudella i carn d’olla, e viene preparato con carne di manzo e gallina, orecchie, piedini e grugno di maiale, butifarra, ceci, pancetta, aglio ed altre verdure. Lo xai rostit amb doce cabeçes d’all è invece un piatto tradizionale il cui nome significa letteralmente “agnello arrosto con dodici teste d’aglio”: dopo questa spiegazione, sarebbe superfluo elencarne gli ingredienti!

Le ricette a base di pesce della cucina catalana

Numerosi e piuttosto variegati sono i piatti a base di pesce, crostacei e frutti di mare tipici della Catalogna. Tra i più noti troviamo, ad esempio:

  • Fideuas
    si tratta di una ricetta per certi versi simile a quella della paella de marisco (a base di pesce), con la differenza che invece del riso si utilizzano dei corti spaghettini.
  • Esqueixada
    il baccalà (o bacalao) è l’ingrediente principale di questa ricetta, e viene servito in insalata con cipolle e pomodoro (talvolta anche peperoni e uova), il tutto condito con olio di oliva.
  • Suquet de peix
    è un tradizionale stufato preparato con il pesce fresco del giorno (pertanto non esiste una ricetta ben precisa), cucinato con patate, pomodoro e aglio.

I dolci e le bevande tipici della Catalogna

Fra i dolci, impossibile non ricordare la crema catalana, simile alla crème brûlée francese e preparata con latte, tuorli d’uovo, cannella e zucchero. La crema catalana è resa ancor più invitante da una croccante crosticina di zucchero caramellato. Ne esiste anche una variante tipica di Barcellona, più morbida, detta mató de Pedralbes. La stessa crema catalana può anche essere utilizzata per la preparazione di altri dolci come, ad esempio, il ripieno dei dolcetti fritti tipici di Girona, detti xuixos.

Altri dolci tipici catalani sono, in particolare:

  • Mel i ma
    un dolce a base di formaggio di capra fresco, non salato, che viene ricoperto da uno strato di miele e talvolta guarnito con delle noci.
  • Carquinyolis
    biscotti croccanti di mandorle solitamente consumati con il caffè.
  • Panellets
    dolcetti tipici della festa di Ognissanti preparati con marzapane e di diverse forme, ricoperti da glassa di zucchero oppure pinoli.
  • Torró
    dolce tipico del periodo natalizio, simile ad un torrone e preparato con miele e mandorle.
  • Tortell
    dolce di pasta sfoglia ripieno di trufa (una golosa crema a base di cacao) o di crema catalana che tipicamente si consuma dopo il pranzo della domenica, sia in famiglia che tra amici.

Questi dessert sono solitamente accompagnati da un vino dolce, come ad esempio il vi ranci, il mistela o il vi de missa. Esiste persino una versione catalana dello champagne, il famoso Cava, e molto apprezzato è anche il moscatell, un vino che si accompagna in modo eccellente a dolci e dessert.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:

Libri di cucina e ricette ai prezzi migliori


Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.